IL GIORNO DI RENZI«Faremo scendere chi sale sul carro per convenienza»

Aperto a tutti ma non a chi vuole salire sul carro del (presunto)vincitore. La linea l'avevano preannunciata i suoi uomini sul territorio, e il «capo-corrente» Matteo Renzi, ieri, ha confermato: «Chi sale sul carro del vincitore per convenienza lo faremo scendere». «Non bisogna avere un atteggiamento di rivincita in queste primarie rispetto alle scorse» ha avvertito dopo essere stato interpellato sui «nuovi amici» conquistati, «soprattutto a Milano». «Non credo di essere una superstar né l'unico punto di riferimento - ha aggiunto - se c'è qualcuno che pensa di salire sul carro solo per convenienza sappia che noi quelli lì li facciamo scendere subito - ha aggiunto - Non mi preoccuppano gli endorsement né vecchi né nuovi».