I filtri sono riservati solo ai mezzi per i cantieriLa retromarcia

E alla fine sembra esaurita anche l'epoca dei filtri antiparticolato. Quelli che la Regione Lombardia ha promosso con incentivi e bandi per ridurre le emissioni dai tubi di scappamento. I privati li hanno reputati troppo costosi ed hanno sempre tentennato. Gli unici ad aver applicato i dispositivi anti smog sono stati i mezzi pubblici e i mezzi da cantiere, per i quali la Regione ha riservato un apposito bando, chiuso lo scorso aprile. Il Pirellone ha stanziato lo scorso gennaio 2 milioni di euro per i mezzi d'opera diesel del suo territorio con potenza superiore ai 37KW e anno di costruzione successivo al 1990. La spesa prevista dalla Regione è servita a coprire il 75% dei costi. Nella sua battaglia contro i mezzi inquinanti, il Pirellone nel 2006 ha presentato al Governo una proposta di legge per vietare l'omologazione e la messa in vendita di nuovi veicoli diesel non euro 5 e per fissare nuove regole per l'omologazione dei filtri antiparticolato. Ma la proposta cadde nel vuoto.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Fr3di

Fr3di

Gio, 20/09/2012 - 20:30

Stiamo dando i numeri. Il Pirellone ne 2006 proponeva di vietare la vendita degli euro4 ? Ma se a fine 2005 ho cmprato un Euro 3 perchè il 4 no era disponibile .. figuriamoci il 5 !! Ancora oggi, 2012, ci sono euro 4 in vendita. Chi propone regole ignora totalmente la realtà e non ha idea di cosa stia parlando. I mezzi non inquinanti ad oggi non esistono, eccetto alcune vetturette ad uso cittadino che comunque vanno ricaricate in gran parte con energia che proviene da generatori a combustibile fossile. Se invece di politici ignoranti avessimo più ingegneri meccanici non sarebbe meglio ?