A Lodi donna di 55 anni morta per la tubercolosi

Lodi La tubercolosi torna a uccidere. Vittima, nel lodigiano cinque giorni fa, una donna di 55 anni residente in provincia. Domenica scorsa era stata portata all'ospedale Maggiore di Lodi dal marito. Aveva perso venti chili in pochi mesi e tossiva sangue. Quando è arrivata era ormai in condizioni disperate. È morta in poche ore. Eseguita una biopsia, è arrivata la conferma: tubercolosi, la malattia in cui fino a vent'anni fa i medici lodigiani si imbattevano al massimo due volte l'anno e che poi è salita fino a sfiorare i venti casi l'anno, in una provincia che conta 200mila abitanti. Sette persone, principalmente parenti, sono state sottoposte al test di Mantoux che lunedì dovrebbe dare una prima indicazione. Il contagio avviene con il contatto con goccioline di saliva, tosse o starnuto. Il micobatterio è tornato negli ultimi anni in alcuni allevamenti bovini ma è anche presente in alcuni Paesi dell'Est e dell'Africa centro e meridionale, e dell'Estremo Oriente.

FlaMa

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento