PADIGLIONE ITALIA

La coda per entrare al padiglione Italia dura un'ora. Per alleggerire l'attesa, lo staff si è inventato l'antidoto contro la noia. Un intrattenimento a base di musica, cori, banda e carretto dei gelati per far passare più velocemente il tempo. In fila ci sono solitamente scolaresche in settimana e famiglie nel week end. «Abbiamo pensato a qualcosa per intrattenere chi aspetta» spiega Diana Bracco, commissario generale di sezione del padiglione e presidente di Expo. Assieme al suo staff la Bracco sta studiando un piano di eventi. E nel progetto potrebbero essere coinvolte anche le scuole civiche. Gli ingessi del fine settimana sono stati tantissimi: 10.834 sabato e 9.943 domenica. Il pubblico aumenterà: «Dobbiamo ancora entrare nella fase dei convegni - spiega soddisfatta Diana Bracco -. Non sono ancora partiti gli eventi, non siamo nel vivo». Ma già ora la serpentina per accedere alle sale italiane è lunghissima. Tanto che il padiglione, assieme al Brasile, detiene il record di ingressi di Expo.

Commenti