Picchia la moglie per sedici anni: «Non si sottomette»

«Lei non ha ancora capito qual è il suo ruolo in questa casa. Deve solo essere sottomessa». Così un tunisino di cinquantotto anni ha spiegato ai carabinieri che lo hanno arrestato i 16 anni di violenze nei confronti della moglie, una connazionale di quarantasette anni ipovedente. Domenica pomeriggio la povera donna ha chiamato i militari della stazione di Cologno Monzese per denunciare l'ennesima aggressione da parte del padre dei suoi quattro figli: stavolta l'uomo le aveva stretto il collo così violentemente da provocarle una distorsione della rachide cervicale. I due si sono sposati nel 2000, quando il tunisino ha accolto in Italia la sua futura moglie. Da quel momento, secondo il racconto della donna ai carabinieri che l'hanno ascoltata, sono iniziate le vessazioni e sono andati avanti con ben pochi periodi dii tregua. L'uomo è incensurato, non lavora, ma approfitta del sussidio di invalidità della consorte che comunque ha non ha mai smesso di maltrattare.

RC

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti