Picchiata e stuprata ai giardini mentre aspetta l'autobus

Per lei l'incubo si è materializzato l'altra sera mentre aspettava l'autobus: «Era orribile, senza denti, il viso segnato da cicatrici». Una sorta di mostro che tra un insulto e una minaccia l'ha getta a terra, l'ha pestata, le ha strappato i vestiti e l'ha stuprata. Le sue grida disperate hanno allertato un vicino che ha chiamato il 112. E se i carabinieri non sono potuti arrivate in tempo per evitare il peggio hanno almeno arrestato, dopo una caccia durata due ore, il bruto, un iracheno di 32 anni.
Sono circa le 22 quando quattro equipaggi dei carabinieri arrivano in via Odazio, dove un residente ha segnalato un lite violenta. Quel che trovano invece è molto peggio. Una donna di 42 anni a terra, sopra lo straniero che alla vista degli equipaggi si alza e fugge.
Alcuni militari soccorrono la donna, altri si mettono immediatamente a caccia dello stupratore. I carabinieri lo rintracciano poco distante e iniziano a ricostruire lo strazio della povera donna.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento