Salvini: «Alla Scala dopo Lissner un italiano che costi meno»

Queste le richieste che arrivano dal segretario della Lega Lombarda, Matteo Salvini, durante una conferenza stampa organizzata proprio di fronte al teatro

Il prossimo sovrintendente della Scala sia italiano, costi meno e venga deciso in fretta. Queste le richieste che arrivano dal segretario della Lega Lombarda, Matteo Salvini, durante una conferenza stampa organizzata proprio di fronte al teatro. «La Scala - ha esordito Salvini - sta diventando un teatro come tutti gli altri e siamo preoccupati». Il segretario, quindi, aggiunge: «Chiediamo che il nuovo sovrintendente che sostituirà Stephane Lissner (nella foto) venga scelto presto, che sia italiano, o meglio ancora milanese, e che non costi ai contribuenti un milione di euro all'anno».

Commenti