IL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE ANTIMAFIABindi: «Voto di scambio, sì al decreto legge»

«La capacità delle cosche calabresi di mimetizzarsi nell'economia legale e creare rapporti di convenienza con amministratori pubblici è un dato con il quale la politica deve fare i conti per affinare gli strumenti di contrasto». Così Rosy Bindi, presidente della commissione Antimafia, dopo gli arresti nel lecchese. «È urgente mettere un argine - sottolinea la Bindi -, approvando al più presto la riforma del 416 ter in modo che sia in vigore alle prossime elezioni amministrative ed europee». Con il «decreto legge il Governo può riformulare la norma per superare le perplessità dell'Anm e il Parlamento».

Commenti