E vanno in piazza anche i lavoratori della Scala

Dalla sicurezza ai bonus di produttività, sono tante le motivazione che già dalle assemblee di aprile aspettano una risposta

Anche i lavoratori della Scala questa mattina scendono in piazza. Cgil, Cisl e Fials-Cisal hanno organizzato un presidio dalla ore 9 alle 11 in via Filodrammatici, in concomitanza con l'assemblea dei soci, presieduta dal sindaco Giuliano Pisapia. Una protesta «a sostegno del futuro del teatro.

Le ragioni dei lavoratori verranno formalizzate in una lettera che le organizzazioni sindacali consegneranno ai membri del cda. Dalla sicurezza ai bonus di produttività, sono tante le motivazione che già dalle assemblee di aprile aspettano una risposta.

I soci questa mattina affronteranno il capitolo del Bilancio 2013 del teatro e apriranno il «dossier» sulla scelta del nuovo Sovrintendente dopo Stephane Lissner, che lascerà Milano per dirigere l'Operà di Parigi. Su proposta del sindaco è stato lanciato un bando pubblico (ma non vincolante) che si è chiuso venerdì, questa mattina dunque Pisapia porterà al tavolo l'elenco delle candidature.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento