Regione e Comune lanciano i Navigli patrimonio Unesco

Impianti di irrigazione, chiuse e marcite Un progetto di candidatura per il 2019

Il sistema dei Navigli, o meglio il sistema idrico lombardo candidato a patrimonio mondiale dell'Umanità. Si parla di una rete di 20 impianti idrovori e irrigui, realizzati tra il 1850 e il 1950, in stile Liberty, 12 fontanili, marcite sparse per tutto il territorio a formare il cosiddetto complesso delle opere di bonifica. I consorzi di bonifica lombardi, in stretta collaborazione con la Regione, stanno costruendo il progetto «La civiltà dell'acqua in Lombardia» per inserire i maggiori e più significativi manufatti idraulici e irrigui nella lista del Patrimonio Mondiale Culturale e Naturale dell'Umanità dell'Unesco. Il dossier di candidatura dovrebbe essere pronto per la fine del 2019.

Commenti