Il sopralluogo nella moschea: c'è l'imam che difese i «martiri»

A Cascina Gobba anche El Santawy, un salafita-integralista

Alberto Giannoni

Un ospite imbarazzante per la moschea di Cascina Gobba. Un imam discusso e controverso, Usama El Santawy, che ieri - insieme a un altro dirigente islamico - ha accolto i consiglieri comunali che fanno parte della commissione urbanistica del Comune, organismo che sta discutendo il piano delle attrezzature religiose inserito nel Pgt. Il piano prevede la sanatoria di quattro centri di preghiera: via Maderna, via Gonin, via Quaranta e - appunto - via Padova 366, che peraltro ha una storia particolare, essendo stato in passato al centro di un contenzioso legale fra due associazioni islamiche. (...)

Commenti