Tutto è pensato a impatto zero

La nuova sede della Regione sarà all’avanguardia anche sotto il profilo della sostenibilità energetica. Il complesso è stato dotato infatti di otto pozzi per far risalire l’acqua di falda che, attraverso scambiatori di calore, consentiranno di fornire riscaldamento in inverno e aria condizionata d’estate, senza l’utilizzo di combustibili fossili in sito. Lungo la facciata a sud della torre saranno installati duemila metri quadri di pannelli fotovoltaici. La doppia «pelle» della vetrata all’esterno consentirà di creare un’intercapedine d’aria per ottimizzare l’isolamento termico. Il tutto integrato da scelte sagge nella gestione degli impianti, come l’utilizzo di lampade a basso consumo e un sistema che consentirà le accensioni nei soli momenti di utilizzo e la regolazione del flusso luminoso in funzione della luce proveniente dall’esterno. Per il funzionamento della sede non sarà utilizzato nessun combustibile inquinante.

Commenti