Il ministro Zaia «Siamo pronti a bloccare la super-patata europea»

È netta la posizione del ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali Luca Zaia all’indomani della decisione della Commissione europea di dare il via libera alla coltivazione della patata Ogm Amflora, posizione espressa durante la conferenza stampa di ieri presso il dicastero: «Ribadiamo la nostra ferma contrarietà agli organismi geneticamente modificati. E ci muoveremo in tutte le direzioni a nostra disposizione per far sì che gli Ogm non attentino alla nostra agricoltura identitaria, culla della biodiversità che intendiamo preservare. Per questo avvieremo la procedura per richiedere la clausola di salvaguardia con cui bloccare la commercializzazione e la coltivazione di questi prodotti nei nostri territori. E valuteremo anche l’ipotesi di un referendum per consultare i cittadini: il volere del popolo è sovrano, e a noi risulta che la stragrande maggioranza degli italiani è contraria agli Ogm. Collaboreremo con chiunque vorrà essere al nostro fianco in questa battaglia».