Moto Le case europee sollecitano interventi dall’Ue

A pagare le conseguenze della crisi economica è anche l’industria europea del motociclo: le immatricolazioni, in Europa, sono crollate fin dall’ultimo trimestre del 2008, e nel 2009 si registra un calo del 25 per cento. A dirlo sono i costruttori durante la conferenza dell’Acem (Associazione europea del costruttori di motocicli), tenuta a Bruxelles. Al calo della domanda é seguito quello della produzione, che ha messo sotto pressione le case e l’occupazione nel settore che in Europa conta 150mila addetti e un fatturato di 34 miliardi. In questo clima incerto, acuito anche dall’importazione asiatica di prodotti a basso costo, i costruttori europei di due ruote chiedono a Bruxelles una visione industriale di breve e medio termine.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.