Napoli Paziente muore dopo l’iniezione per fare la Tac

La Commissione sugli errori in campo sanitario, presieduta da Leoluca Orlando, ha aperto un’indagine sulla morte di un uomo di 69 anni, deceduto nel Centro di medicina Sdn, alla periferia di Napoli, dopo un’iniezione di liquido di contrasto prima di sottoporsi a una Tac. Sul fatto indaga la polizia ed è stata aperta un’inchiesta da parte della Procura per verificare se vi siano eventuali responsabilità da parte dei sanitari. Secondo una nota della direzione dell’Istituto Sdn, il paziente sarebbe morto per arresto cardiocircolatorio.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti