Nei denti di Hitler c’era l’oro degli ebrei sterminati nei campi

Nelle otturazioni dei denti di Hitler c’era l’oro prelevato dalla bocca degli ebrei mandati a morire nelle camere a gas di Auschwitz e di altri lager nazisti. A ritenerlo molto probabile sono lo storico berlinese Henrik Eberle e Hans-Joachim Neumann, professore emerito della «Charité», il più grande ospedale berlinese, che hanno appena pubblicato un libro in cui si chiedono se Hitler fosse malato, dal titolo «War Hitler krank?». I due studiosi hanno infatti scoperto che il dentista del Führer possedeva 50 chili d’oro proveniente dai lager nazisti. Nel corso delle loro ricerche gli autori hanno esaminato tra l’altro anche la lista degli 82 medicinali prescritti al capo del nazismo dal suo medico personale, il dottor Theodor Gilbert Morell. Lo studio fa invece piazza pulita delle leggende secondo le quali il dittatore nazista soffriva di schizofrenia, era sifilitico e cocainomane.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.