Niente Nobel a Pound perché fascista: ecco il verbale inedito della Commissione

Il premio Nobel fu negato a Ezra Pound per i suoi legami con il fascismo. Il poeta statunitense fu candidato nel 1959 al prestigioso riconoscimento, ma la Commissione non gradì. Per il presidente Anders Osterling il candidato si era reso responsabile della propagazione «di idee che sono decisamente in contrasto con lo spirito del Nobel». A rivelarlo è Enrico Tiozzo, docente di Letteratura italiana a Goteborg, che ha visionato il resoconto finale inedito della riunione della Commissione del 14 settembre 1959.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti