Nigeria, scontri fra cristiani e mussulmani: almeno 12 morti

Violenti scontri fra cristiani e musulmani nella città di Jos, nel
centro del Paese, dove è stato imposto il coprifuoco
e sono state arrestate almeno 35 persone. Nel novembre del 2008 rimasero uccise centinaia di persone in violenti scontri interreligiosi

Jos (Nigeria) - Almeno 12 persone sono rimaste uccise in violenti scontri fra cristiani e musulmani nella città di Jos, nel centro della Nigeria, dove di conseguenza è stato imposto il coprifuoco e dove sono state arrestate almeno 35 persone. Lo ha constatato una fonte giornalistica sul posto. La fonte ha contato almeno 12 cadaveri fra l'ospedale universitario di Jos e la principale moschea della città. "Ma non posso fornire un bilancio preciso per ora", ha aggiunto la fonte. Finora gli scontri sono rimasti confinati ad un solo quartiere di Jos, dove cristiani e musulmani vivono fianco a fianco. Nel novembre del 2008 rimasero uccise centinaia di persone in violenti scontri interreligiosi.

Nella popolosa Nigeria, dove convivono oltre 200 etnie, il numero dei cristiani e dei musulmani sono più o meno equivalenti, con una netta prevalenza dei primi negli stati del sud e dei secondo in quelli del nord, in alcuni dei quali vige la sharia, la legge coranica.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.