Non collabora, parte l’ingiunzione

La Financial crisis inquiry commission, commissione del Congresso Usa che indaga sulle cause della crisi, ha emesso un’ingiunzione contro Goldman Sachs, che non avrebbe presentato i documenti richiesti. La Fcic, che emette ingiunzioni di questo genere solo dopo avere dato alle società tempo sufficiente per scegliere di collaborare volontariamente, aveva già chiamato a testimoniare i vertici dell’agenzia di rating Moody’s e l’investitore Warren Buffett. Non è chiaro quali documenti siano stati chiesti dalla commissione, che presenterà al congresso il proprio rapporto finale il prossimo 15 dicembre. Il titolo di Goldman ha reagito virando in negativo e ora Goldman cede il 16% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti