Ora sono gli operai a dire no a Rhj

Il consiglio di fabbrica della Opel ha respinto anche la nuova offerta della società belga Rhj per l’acquisto della casa automobilistica tedesca. Il capo delle tute blu, Klaus Franz, ha detto di considerare «oltremodo discutibili le concessioni di Rhj», a cui, ha commentato, non interessa un futuro autonomo del marchio. Dal canto suo la casa-madre, General Motors, ha ribadito di non voler riaprire il processo di vendita, restando così focalizzata a chiudere un’intesa con uno dei due offerenti (Rhj e Magna) il prima possibile. A Detroit hanno quindi sottolineato che la società intende chiudere la partita presto, anche se i miglioramenti conseguiti nella posizione finanziaria hanno rimosso il rischio di un’imminente bancarotta di Opel.

Commenti