Pagnossin: la parola alla Consob

da Milano

Le assemblee di Pagnossin e, in parallelo, della controllata Richard Ginori, si sono svolte tra varie polemiche, ma il varo dell’aumento di capitale da 30 milioni per Pagnossin è la premessa per la soluzione delle due crisi. Ieri, tuttavia, non era ancora giunto dalla Consob il nullaosta alla deroga dall’Opa obbligatoria che scatterebbe in seguito all’ingresso della Vetrofin di Rocco Bormioli. Senza tale deroga, l’attuale maggior azionista non apporterà le azioni, né Bormioli il capitale, nella nuova holding di controllo Profin, e Abaxbank non provvederà a garantire gli altri 15 milioni di aumento. Insomma, ora tocca alla Consob. Una lettera informale era attesa per giovedì, vigilia dell’assemblea, ma la festività romana ha provocato un rinvio. Per l’atto ufficiale di deroga - su cui la società non nutre preoccupazioni - occorreranno non meno di una ventina di giorni.

Commenti