«Tra un paio di mesi il processo a Saddam»

Il processo per crimini contro l'umanità a Saddam Hussein, da un anno e mezzo sotto custodia, dovrebbe iniziare «spero, entro i prossimi due mesi». Lo ha detto il presidente iracheno Jalal Talabani aggiungendo che per arrivare a questo «il governo iracheno sta facendo del suo meglio» e che «c'è un forte desiderio che l'ex rais sia giustiziato in caso di condanna». Secca la replica di uno dei suo legali, l’italiano Giovanni Di Stefano: «Il processo non potrà iniziare fino a quando l'ex rais non sarà stato posto formalmente in stato di accusa per reati specifici».

Commenti