Pensioni Il Nucleo: «No a crescite di spesa»

«Una presa di coscienza collettiva e bipartisan per evitare qualsiasi ulteriore crescita della spesa per pensioni e assistenza». Lo chiede il Nucleo di valutazione della spesa previdenziale nel suo rapporto. L’organismo, che ha sede presso il ministero del Lavoro, paventa i «micidiali» riflessi che deriverebbero sul debito pubblico italiano da un aumento dei tassi di interesse. «In Europa - osserva il Nucleo - scadrà nei prossimi 5 anni una massa enorme di obbligazioni emesse da aziende, banche e Stati (secondo Reuters 2.500 miliardi di dollari) per cui il rischio di un incremento dei tassi di interesse avrebbe riflessi micidiali in termini di incremento della spesa pubblica».
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.