"Compra, ho parlato con Renzi". Imputazione coatta per il broker di De Benedetti

Da Renzi seppe che il decreto sulle popolari sarebbe passato e al broker fece investire 5 milioni di euro. L'operazione gliene fruttò 600mila

"Compra, ho parlato con Renzi". Imputazione coatta per il broker di De Benedetti

Non sarà archiviata l'indagine per "ostacolo all'esercizio delle funzioni delle autorità pubbliche di vigilanza (la Consob, ndr)" a carico di Gianluca Bolengo, il broker di Intermonte Sim spa a cui al telefono, il 16 gennaio 2015, Carlo De Benedetti disse che il decreto sulle banche popolari sarebbe passato per averlo saputo dall'allora premier Matteo Renzi e che investì per conto dello stesso imprenditore 5 milioni in azioni delle Popolari. La riforma fu approvata quattro giorni dopo e, grazie a quella operazione, l'Ingegnere guadagnò circa 600mila euro.

L'accusa per Bolengo è di ostacolo alle funzioni di vigilanza. Con un provvedimento di 63 pagine, il gip Gaspare Sturzo ha respinto la richiesta di archiviazione avanzata dal pm Stefano Pesci ordinando che venga formulata l'imputazione coatta. La procura si era espressa per l'archiviazione del procedimento ritenendo che non vi fosse la prova che De Benedetti fosse venuto in possesso, nei giorni che precedettero la telefonata con Bolengo, di notizie price sensitive e non vi fosse la prova che queste notizie fossero state comunicate allo stesso broker. Per il giudice Sturzo, invece, dall'esame degli atti emergono "logici elementi" per ritenere Bolengo "consapevole di trovarsi innanzi all'obbligo di dover comunicare (l'operazione finanziaria, ndr) come sospetto alla Consob". Già lo scorso marzo il gip aveva respinto la richiesta di archiviazione per il broker di Intermonte Sim spa ordinando invece un supplemento di indagini.

Commenti