Lo sceriffo Pd aumenta la paga ai politici

Renzi mette le riforme in stand by: manovra da 27 miliardi

Il governatore campano, adesso che è sulla poltrona più alta della sua regione, dimentica i trascorsi da moralizzatore anticasta e si trasforma in paladino dei maxiemolumenti. Il fustigatore dei malcostumi è svanito nel nulla e si lancia in una richiesta che, in questo momento storico, stona non poco. Secondo De Luca, infatti, bisogna «equiparare i compensi dei consiglieri a quelli dei parlamentari». Anche nella Capitale le cose non vanno meglio: Renzi, visti i numeri sempre più incerti a Palazzo Madama, decide di accantonare le modifiche della Costituzione per concentrarsi sulla legge di stabilità, annunciando una manovra da 27 miliardi. E promette: al massimo faccio due mandati e poi me ne vado a casa.

Cesaretti e Di Meo alle pagina 6 e 8

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.