Il primogenito di Bossi non sta con la «Trota»: «Io tifo per la Nazionale»

Ci sarà pure un motivo se il delfino - pardon, trota - di Bossi è il terzogenito Renzo e non il primo, Riccardo. «Io tifo Italia». Così il 31enne pilota di rally e figlio maggiore del leader della Lega racconta in un’intervista a Vanity Fair la sua passione per la nazionale azzurra. Al contrario di suo fratello Renzo, 22 anni, che allo stesso settimanale aveva raccontato di non tifare per l’Italia ai Mondiali. «Io spero che Cannavaro possa sollevare di nuovo quella coppa», rivela invece Riccardo, «la vittoria del 2006 è un ricordo meraviglioso». E del resto non la prima volta che il fratello maggiore stuzzica il rampollo padano. Era il 23 febbraio scorso quando Riccardo commentava così al Corriere della Sera le disavventure scolastiche di Renzo (bocciato tre volte). «Io ho fatto ragioneria e ho finito in cinque anni, senza mai essere sotto i riflettori bocciato o rimandato».

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti