Per protesta contro il decreto salta anche il «Don Chisciotte»

Le rappresentanze sindacali di Cgil, Cisl, Uil e Fials hanno indetto uno sciopero dei lavoratori del teatro dell’Opera. Il primo risultato è stato impedire la replca del balletto «Don Chischiotte sulle musiche di Ludwig Minkus. Attraverso lo sciopero, proprio come gli orchestrali di Santa Cecilia, i lavoratori del teatro dell’Opera e i loro rappresentanti intendono protestare contro il decreto di riforma delle fondazioni liriche. Le rappresentanze sindacali ritengono «che il decreto colpisca impropriamente, nel metodo e nel merito, la sopravvivenza dei teatri lirici, attaccando la stabilità degli organici e distorcendo le regole vitali di funzionamento dei teatri, e mette in discussione il diritto all’esistenza delle Fondazioni lirico sinfoniche».

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti