Santa Giulia Il progetto rimasto incompiuto: un quartiere in periferia ma griffato da archistar

Un milione e 200mila metri quadri di case e uffici, in un’area residenziale a «un passo dal cuore di Milano». Il quartiere di Santa Giulia, uno dei più grandi interventi di riconversione urbana d’Europa, doveva essere il fiore all’occhiello di Risanamento, società oggi in piena bufera finanziaria, ma lanciatissima durante l’epoca d’oro degli immobiliaristi rampanti come Stefano Ricucci e Danilo Coppola. L’area, in realtà ubicata alla periferia di Milano, poteva contare però sulla vicinanza con svincoli autostradali, stazione e metropolitana. Oggi solo in parte realizzato e abitato (vi sorge la sede di Sky Italia), Santa Giulia era un ambizioso progetto di edilizia di qualità con master plan firmato Renzo Piano ed edifici di Norman Foster, l’architetto inglese che, appena 5 anni fa, a Santa Giulia aveva presentato il suo modello di «appartamento perfetto»: elegante, pieno di tecnologie. E, naturalmente, costoso.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.