«Schettino pensava al drink»

«Non tutte le scialuppe funzionavano, ma il fatto più grave è che nessuno sapeva guidarle», neanche chi aveva ruoli di responsabilità. È il racconto di Dumitru, dipendente del Casinò della Costa Concordia, a «Gazeta Romneasc», il settimanale dei romeni in Italia. «All’inizio - dice - non ci siamo resi conto di quello che stava succedendo, anzi l’ho capito solo una volta scesi dalla nave».
Sul comportamento di Francesco Schettino nella serata di venerdì 13 si è espresso uno dei cuochi di bordo, Rogelio Barista di nazionalità filippina, che ha detto che subito dopo l’incidente il comandante gli è apparso indifferente a quanto stava succedendo a bordo «Ci ha ordinato la cena intorno alle 22-22.30 e l'ho visto con una donna che non ho riconosciuto», ha detto Barista. «Ho guardato fuori per cercare il comandante - ha concluso - e l'ho visto ancora in attesa del suo drink. Mi sono chiesto perché, con tutto quello che stava accadendo stava ancora aspettando il dessert per la sua ospite».

Commenti