Lo scrigno Caran d'Ache per artisti veri

A 100 anni dalla sua fondazione, Caran d'Ache, maison de haute ecriture, ci trascina nelle profondità delle miniere di grafite per estrarre la vera essenza del nero. Lo scrigno Graphite Line (235 euro) è diventato lo strumento indispensabile per gli artisti di tutto il mondo, perché offre variazioni infinite: seppia, acquerello, punteggiato, tratteggiato, scrittura, abbozzo, degradato, sfumato, disegno tecnico e artistico, tecniche miste. Queste infinite possibilità iniziano dalla composizione delle matite e dei cubi Grafwood e Grafcube, realizzati partendo da minerali purissimi: grafite e argilla 100% naturali, che, miscelate, consentono di ottenere grande regolarità in ogni sfumatura. In alternativa, le due versioni del Fixpencil, lo strumento inventato nel 1929 e amato dall'architetto Mario Botta, sono un regalo altrettanto prestigioso.

MTiz

Commenti