La Sea sollecita il saldo del debito

«La Sea, dopo reiterati solleciti, ha avviato le azioni atte a consentirle di ottenere, a tutela dei propri interessi, il pagamento di quanto dovutole» dalla compagnia aerea Livingston: così afferma una nota della Sea diffusa ieri sera. Secondo fonti aeroportuali il debito è di oltre 8 milioni, ed è già stato oggetto di un piano di rientro disatteso. «A conferma dell’assoluta inesistenza di pratiche aggressive o volontà persecutorie» il consiglio di amministrazione della Sea ha deliberato «di posticipare ulteriormente al 5 luglio 2010 i termini per il pagamento di quanto dovuto». Da lunedì (21 giugno), inoltre, i costi relativi al decollo e ai servizi erogati a Livinsgton dalla Sea dovranno essere pagati in contanti e in via anticipata.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti