Senatori spiati, Pera accusa i giudici

Il presidente del Senato attacca i giudici di Milano sul caso Antonveneta: «Smentiscano che nessun telefono del Senato o di singoli senatori sia mai stato posto sotto controllo. Se fosse accaduto, sarebbe allarmante sotto il profilo delle garanzie costituzionali». La moglie di Antonio Fazio avrebbe chiamato Fiorani (ad della Banca popolare italiana) da un telefono in uso al Senato. I giudici milanesi rispondono: «Tutte le utenze intercettate sono di persone fisiche. Abbiamo rispettato la legge».

Commenti

Grazie per il tuo commento