Siccità Tigullio in emergenza Forse arrivano le autobotti

(...) Insomma un atteggiamento da tolleranza zero che sembra confermare come molti residenti e turisti non abbiano tenuto conto delle indicazioni comunali in materia di emergenza idrica. E che la siccità sia un pericolo reale in tutto il Tigullio lo dimostra il summit che si è svolto ieri a Chiavari e a cui hanno partecipato
l’assessore provinciale Paolo Perfigli, i responsabili delle società di gestione dell’acqua potabile Sap e Idrotigullio e gli amministratori dei Comuni di Zoagli, Rapallo, Santa Margherita, Portofino e Camogli. «Siamo agli sgoccioli e s otto il livello di guardia e non piove ormai da mesi - hanno detto i tecnici -. Per questo - hanno aggiunto - bene hanno fatto i sindaci a emettere ordinanze drastiche e lanciare accorati appelli ai cittadini affinché non sprechino acqua potabile». Nello specifico si sono ribaditi i divieti a bagnare giardini, parchi, terrazzi, alimentare piscine, lavare auto. E da oggi sarà obbligatorio anche disattivare gli impianti automatici di irrigazione. Vista la gravità del momento, la riunione operativa è stata aggiornata a domani pomeriggio. In caso non piova non è stato escluso il ricorso all’approvvigionamento con autobotti.

Commenti