Spagna I sindacati Opel vanno in trincea contro Magna

I sindacati spagnoli minacciano scioperi per bloccare l’eventuale trasferimento di parte della produzione Opel in Germania dopo la vendita all’austro-canadese Magna, in cordata con i russi di Sberbank. Il ridimensionamento di Saragozza si tradurrebbe in un’ondata di licenziamenti in Spagna. Magna ha parlato di un taglio di 10.500 posti di lavoro. Nell’impianto Opel di Saragozza lavorano 7.500 persone e vengono prodotte 500mila automobili l’anno. Sabato migliaia di persone sono scese in piazza.

Commenti