FENOMENO MONDIALE La pellicola hard che ha incassato come il «Titanic»

Il film «Deep Throat» del 1972, uscito in Italia nel 1975 con il titolo «La vera gola profonda», diventò il primo «porno chic» capace di scatenare un dibattito al punto che l'anonimo informatore del caso Watergate fu chiamato in codice proprio «Gola Profonda». Costato 25mila dollari, ne incassò cento milioni nelle sale e poi oltre 600 grazie all'uscita in home video. In proporzione al costo del film, gli incassi sono vicini a quelli di «Titanic», «E.T.» e «Biancaneve e i sette nani». La protagonista è la pornostar Linda Lovelace (pseudonimo di Linda Susan Boreman) nata nel 1949 nel Bronx di New York e morta nel 2002 in seguito a un incidente stradale a Denver. Qualche anno dopo aver girato «Deep throat», confessò che sul set fu picchiata dal marito e girò quasi tutte le riprese sotto la minaccia di una pistola. Divenne anche uno dei simboli della lotta femminista contro l'industria del porno.

Commenti