MAZZARRI «È un periodo in cui capita di tutto. E poi quella paura di vincere...»

Mazzarri è quasi senza parole, voce bassa: «Ci chiamiamo Inter, dobbiamo cercare sempre di vincere, non certo giocare per un punto. Poi succede che si è in vantaggio e viene quella paura... 'sti ragazzi non sono abituati... si sente la pressione, quasi ci fosse la paura di vincere. E poi se guardiamo gli episodi si vede che non ce ne va una bene. Paura di non centrare l'Europa? Per chi ha visto le nostre partite ce la meritiamo... poi nelle ultime sfide ci succede di tutto... Il calcio non è scienza esatta. Certo, poi non riusciamo nemmeno a fare l'unico rigore datoci nell'anno... ecco, questo è il nostro momento». Thohir ha lasciato San Siro scuro in volto. «Io e Mazzarri abbiamo la stessa visione. Credo sia importante aggiungere un centrocampista per la prossima stagione. Dobbiamo fare punti in tutte queste sette partite» aveva detto a inizio partita. Ne rimangono sei.

Commenti