Taborre in cerca di gloria. Nibali, guai meccanici

Primo chilometro e subito fuga. Escono dal gruppo in sette: tra questi, Taborre. Sarà lui a tenere duro fino al chilometro 180. Poi Hesjedal scatena la bagarre attaccando i diretti avversari di classifica. Nella sequela di allunghi e rincorse, è infine Paolini, a 7 chilometri dal traguardo, a prendere l'iniziativa e a catapultarsi lungo la discesa su Marina di Ascea, dove arriva solitario. Alle spalle, volata tra i big per gli abbuoni. Incidente meccanico per Nibali, che arriva in coda al gruppetto dei migliori.

Commenti