Spreco da 500mila euro Le fontane di Emiliano rimangono all’asciutto

Per sistemarle e attivarle sono stati necessari 400mila euro, i costi di manutenzione invece ammontano a 50mila euro l’anno. A distanza di due dall’installazione, la giunta comunale di Bari guidata da Michele Emiliano (Pd) scopre che le fontane in mezzo al mare non sono poi state un grande affare e così decide di chiudere i rubinetti. Nel vero senso della parola: d’ora in avanti potranno essere attivate solo nella tarda primavera o in estate. Insomma, giusto lo stretto necessario. Le fontane furono inaugurate nel settembre del 2007: sono dodici, con un getto d’acqua alto una ventina di metri, a poca distanza dal lungomare dove i passanti spesso si beccano un’inattesa e poco gradita innaffiata. E adesso, dopo mesi scanditi da polemiche, la scenografica trovata si rivela un... buco nell’acqua anche sul fronte dei conti pubblici. BCas

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti