Streisand, classe purissima

Se poi aggiungi del jazz, allora la sua voce diventa un sussurro sincopato, una carezza davvero. Love is the answerè il ritorno di Barbra Streisand dopo quattro anni, classe purissima ma niente esibizionismo: questi tredici brani sono quasi tutti classici e standard, cose conosciute (ma vuoi mettere Smoke gets in your eyes oppure In the wee small hours of the morning meglio di Sinatra?) e gioielli come If you go away (Ne me quitte pas) di Jacques Brel cantata, ça va sans dire, metà in francese. Al piano c’è talvolta Diana Krall, e già. La voce tiene a bada tanta vita, è una fiamma che brucia piano sopra i tasti, e allusiva anche, roba da Henry Miller letto in penombra. Un disco da Las Vegas bei tempi, non da Carnegie Hall, però in alto così non ci arriva nessun altra neanche volendo.