«Sulla prescrizione nessuna modifica»

«Non c’è alcuna ragione e non abbiamo avuto neppure lontanamente l’idea di modificare la legge sulla prescrizione». Così, ieri, Niccolò Ghedini (Pdl) ha smentito le indiscrezioni che indicavano il governo intenzionato a cambiare le norme sulla prescrizione, per evitare di celebrare il processo di primo grado a carico di Berlusconi, imputato per corruzione in atti giudiziari (accusa per la quale è già stato condannato l’avvocato inglese David Mills). Il processo al premier sarebbe reso possibile dall’eventuale bocciatura del Lodo Alfano da parte della Corte Costituzionale. «E perché mai dovremmo cambiare la prescrizione? - si è chiesto Ghedini - Lo abbiamo già fatto 4-5 anni fa».

Commenti

Grazie per il tuo commento