Tommy, il giallo della Sim sparita

I rapitori, la sera del sequestro del piccolo Tommy, avevano lasciato una carta telefonica sul tavolo degli Onofri. Doveva servire per contattare i genitori del piccolo. Ma ora quella Sim non si trova più. È l’ultimo dettaglio di una vicenda drammatica e complicata. Ieri i due presunti assassini si sono di nuovo accusati a vicenda della morte del piccolo. Il ministro Castelli ha mandato gli ispettori per sapere perché Alessi, dopo la condanna per stupro, era libero.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento