Unità d’Italia Lettera del premier a Napolitano: «Necessario rivedere i progetti per le celebrazioni»

Rivedere i progetti per le celebrazioni dei 150 dell’Unità d’Italia, «per evitare quella che è stata definita la celebrazione edilizia dell’evento». Così il premier Silvio Berlusconi ha risposto, con una lettera al Quirinale, ai richiami dei giorni scorsi del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. «La crisi economica e la qualità di molte opere hanno imposto una seria riflessione per valutare e correggere il progetto impostato dal precedente governo - recita una nota di Palazzo Chigi -. Il Consiglio dei ministri del 31 luglio ha già avviato un ampio e approfondito dibattito sull’argomento. Al termine del quale, il presidente del Consiglio ha affidato al ministro dei Beni culturali, Sandro Bondi, il compito di elaborare i nuovi criteri per le celebrazioni. Criteri che terranno conto del dibattito delle ultime settimane, al quale hanno partecipato tante personalità della cultura e della politica italiana». «Una volta individuati i criteri, e prima di procedere all’elaborazione del programma definitivo, il presidente Berlusconi si è impegnato per una verifica con il capo dello Stato».

Commenti