Usa Esecuzione rinviata: il boia non trova le vene

Esecuzione rimandata, ma non per un atto di clemenza. Un uomo di 53 anni doveva essere giustiziato alle 10 di lunedì con un’iniezione letale, ma il boia, dopo due ore di inutili tentativi, non è riuscito a trovare le vene. Così il governatore dell’Ohio ha deciso di rinviare la condanna a morte alla settimana prossima su proposta del capo delle guardie carcerarie, incaricato di supervisionare le esecuzioni nel Southern Ohio Correctional Facility, a Lucasville. «Il nostro team - ha spiegato Julie Walburn, la portavoce del carcere - ha cercato più volte di trovare un punto idoneo in cui praticare la puntura, ma dopo molti tentativi non ne ha trovato nessuno».

Commenti

Grazie per il tuo commento