Vescovio Preso topo d’appartamento che utilizzava una pistola giocattolo

Armato di una pistola giocattolo si è introdotto all’interno di un appartamento del quartiere Vescovio abitato da cinque studenti stranieri. Il delinqente, con il volto coperto, è entrato da una finestra rimasta aperta e ha passato al setaccio le camere da letto. Il primo a ricevere la sgradita visita è stato un giovane che, sotto la minaccia della pistola, ha dovuto consegnare al rapinatore soldi, i-pod, computer, e pure le sigarette. Poi è stato il turno della studentessa nella camera affianco. Ma qualcosa è andato storto. La pistola è caduta e i presenti hanno capito che era finta. L’uomo, a questo punto, ha tentato la fuga. Le grida della studentessa hanno attirato però l’attenzione di alcuni passanti che hanno avvisato il 113. I poliziotti intervenuti sul posto hanno immediatamente individuato e bloccato il rapinatore, G.M., 30 anni, di Roma. Che ora dovrà rispondere delle accuse di rapina e sequestro di persona.

Commenti