L'immigrato minaccia Salvini: "Cancelli il decreto o cancelliamo lui"

Alla manifestazione dei centri sociali a Napoli anche i migranti. E uno di loro attacca il ministro sul decreto Salvini

L'immigrato minaccia Salvini: "Cancelli il decreto o cancelliamo lui"

Alla manifestazione di ieri dei centri sociali a Napoli contro Salvini c’erano anche un po’ di migranti. Esponevano uno striscione, intonavano canti. Ovviamente contro il ministro dell’Interno che, dopo una visita al quartiere Vasto, ha presieduto il Comitato per la sicurezza e l’ordine pubblico.

Di fronte alle telecamere, uno degli stranieri si è lasciato andare a quelle che a tutti gli effetti sembra una minaccia rivolta al leader della Lega. Oggetto del contendere è il dl Sicurezza e Immigrazione, quello da poco approvato dal Cdm e che impone – tra le altre cose - una stretta sulla concessione dei permessi di soggiorno. “Salvini non ha un progetto per gli italiani – dice il giovane straniero in un italiano claudicante – Vuole fare finta che sta qua per risolvere i problemi...In realtà sta girando i problemi sociali. Una legge fuori luogo crea solo dei problemi sociali. Questo è il problema”. Poi l’appello diretto contro l’inquilino del Viminale: “Noi siamo in piazza per dire a Salvini: ‘O cancelli questo decreto o noi cancelleremo Salvini”.

La performance del giovane straniero si è conclusa con un coro intonato da tutti i migranti scesi in strada per il corteo anti-leghista: “Basta basta razzismo”.

Immediata è arrivata, su Facebook, la replica di Salvini: “Secondo la sinistra quello che sparge odio sarei io... Quando si è ospiti (si spera regolari) di un Paese straniero, bisognerebbe entrare in punta di piedi e rispettare cultura, leggi e istituzioni. O no?”. E in questo caso l’Istituzione era proprio lui, il ministro dell’Interno.

Commenti