Sondaggi: cresce il centrodestra, si mette male per Pd e M5S

Le ultime rilevazioni premiano la coalizione di Forza Italia, Lega e Fratelli d'Italia: il 50% è a un passo. Il centrosinistra viene bocciato e si arresta al 37,2%

Sondaggi: cresce il centrodestra, si mette male per Pd e M5S

Gli italiani continuano a premiare il centrodestra, sfiduciando ogni giorno di più il centrosinistra che ha occupato i posti del potere in solitaria fino a poche settimane fa. Gli elettori da oltre un anno sembrano avere le idee chiarissime: la coalizione formata da Forza Italia, Lega e Fratelli d'Italia è costantemente al primo posto e risulta essere vicinissima alla soglia del 50%. Un risultato importante per i tre partiti, a differenza di un centrosinistra che è semplicemente la somma delle debolezze di chi la compone. Non a caso gli alleati si sono dimostrati in grande difficoltà, perdendo ancora consensi e preferenze da parte dei cittadini. Gli ultimi sondaggi non hanno fatto altro che confermarlo.

Stando all'ultima Supermedia settimanale elaborata da YouTrend per Agi, il quadro politico non ha subito significativi cambiamenti rispetto agli ultimi tempi: la Lega resta saldamente primo partito (risalendo di mezzo punto al 23,5%), inseguito dal Partito democratico che perde lo 0,4% e scivola al 19,2%. Poco più in basso troviamo Fratelli d'Italia con un incremento dello 0,2% che consente di toccare quota 16,7% e dunque di realizzare un nuovo record. Per il Movimento 5 Stelle la situazione resta invariata e quindi i grilli si stazionano al 14,8%. Lievissimo calo per Forza Italia, che perde lo 0,1% e può godere comunque dell'8%. Tra i partiti minori spicca il rialzo di Azione di Carlo Calenda, che ottiene un +0,4% e arriva al 3,9% sfiorando così il 4%. Concludono la graduatoria Mdp/La Sinistra 3,2% (-0,3%), Italia Viva 2,9% (-0,1%), +Europa 2,2% (+0,2%) e i Verdi stabili all'1,6%.

Centrodestra in vantaggio

Complessivamente dal sondaggio YouTrend emerge che il centrodestra ha aumentato i consensi di 0,6 punti percentuali, portandosi al 49,3%. Sorte completamente diversa per la coalizione giallorossa formata da M5S, Pd e Leu, che lascia sul terreno 0,7 punti e crolla al 37,2%. Curioso lo scostamento rispetto alla Supermedia di due settimane fa, precisamente del 18 febbraio, in relazione alle coalizioni che si sono presentate in occasione delle elezioni Politiche del 2018: centrodestra 49,3% (+0,6%), centrosinistra invariato al 28,1%, 5 Stelle stabili al 14,8%, Liberi e uguali 3,2% (-0,2%) e altri 4,5% (-0,4%).

Infine la rilevazione elaborata da YouTrend per Agi si è focalizzata anche sulla supermedia delle aree del Parlamento. La maggioranza a sostegno di Mario Draghi rappresenta il 78,8%: giallorossi 37,2% (-0,7%); Lega-Forza Italia-Toti 32,6% (+0,2%); centro liberale 9,0% (+0,5%). Il partito di Giorgia Meloni è l'unico che si trova all'opposizione, rappresentata dunque dal 16,7% (+0,2%).

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti