Caltagirone, uccide a coltellate la convivente e va a costituirsi

Il compagno coinvolto 35 anni fa in una rapina finita con un duplice delitto. I post della donna prima dell'omicidio: "Fuori piove, io ho il sole dentro, le persone che amo sono accanto a me e mi sento al sicuro"

Ha ucciso la convivente a coltellate nel corso della scorsa notte, poi si è andato a costituire nella caserma dei carabinieri.

L'episodio è accaduto a Caltagirone, in provincia di Catania, dove Salvatore Pirronello, 53enne, ha accoltellato la convivente Patrizia Formica di 47 anni. Subito dopo si è andato a costituire nella caserma confessando il delitto.

L'uomo ha raccontato agli agenti di essere stato colto da un raptus omicida ma non si conosce ancora il movente. Il delitto è avvenuto nella loro casa dove vivevano da soli in via Palatini, una zona popolosa della città intorno alle 5 del mattino.

La donna, madre di due figlie, non si sarebbe accorta di quanto stava per accadere. L'uomo l'ha colpita con quattro colpi di coltello mentre la procura di Caltagirone, nel frattempo, ha aperto un'inchiesta.

Il pomeriggio precedente la donna aveva postato su Facebook delle foto e dei video insieme alla famiglia, compreso il compagno, e aveva scritto dei messaggi pieni di gioia: "Buongiorno a tutti. Fuori piove, e chi se ne frega, io ho il sole dentro, le persone che Amo sono accanto a me può anche arrivare il diluvio io mi sento al sicuro. Buona domenica a tutti".

Salvatore Pirronello aveva un precedente penale per rapina, per un reato commesso quando aveva 17 anni. Fece parte del gruppo di quattro banditi che, il 30 dicembre 1981, assalirono, per rapinare i passeggeri l'autobus, di linea Catania-Palermo, ma uccisero l'autista, Giuseppe Savarino, e l'avvocato Enzo Auteri, che era stato presidente della Provincia di Catania. Per il duplice omicidio furono condannati l'esecutore materiale e un suo complice. Pirronello e un altro 17enne furono processati soltanto per rapina dal Tribunale per i minorenni di Catania.

Commenti
Ritratto di riflessiva

riflessiva

Lun, 03/04/2017 - 10:22

Questo delitto si mette nella cronaca .Delitto di serie B. Questo non interessa a salvini e al giornale. non porta consensi

bettytudor

Lun, 03/04/2017 - 11:51

Son d'accordo con riflessiva. Per esempio, non avete scritto che l'assassino aveva già un grave precedente penale. A 17 anni era parte di una banda di assassini che rapinò un autobus di linea in cui morirono due persone, fra cui l'autista. E` un assassino e basta, poco importa se minorenne o maggiorenne. Se gli avessero dato l'ergastolo (o qualcosa di veramente definitivo)quella poveretta sarebbe ancora viva. Non ci resta che farci una lista con i nomi degli assassini in modo da evitarli quando li rimettono in libertà. Il movente del raptus non mi convince. Chissà cosa c'e` sotto

cgf

Lun, 03/04/2017 - 12:41

@bettytudor secondo lei uno quello che fa a 17 deve per forza farlo tutta la vita? non può riconoscere i propri errori? Pensi che io a 17 ero iscritto alla Federazione Giovani Comunisti Italiani... non per questo lo sono ancora, ho aperto gl'occhi

Ritratto di alfredido2

alfredido2

Lun, 03/04/2017 - 12:53

Riflesssiva , perchè butta in politica anche storie dolorose ; Mi creda anche se fosse vecchia e zitella potrà avere momenti di gioia dalla vita . Però si rilassi , tutto le sembrerà migliore.

Ritratto di elkid

elkid

Lun, 03/04/2017 - 12:54

----bettytudor----le donne purtroppo vengono uccise anche da compagni con fedine penali immacolate---ogni giorno sui giornali è un continuo stillicidio--la verità è che l'uomo italicus non esiste più--gli uomini in italia sono diventati delle larve da un punto di vista emotivo---altro che latin lovers --piuttosto latrin--swag maria

gcf48

Lun, 03/04/2017 - 12:55

riflessiva lei deve avere dei grossi problemi. I suoi post non sono mai in tema con l'articolo. Sono sempre contro: contro salvini, il giornale, i lettori del giornale e via dicendo. Rifletta su ciò.

SAMING

Lun, 03/04/2017 - 12:56

Le donne devono stare attente con chi si accompagnano. Era notorio che il suo compagno era un assassino quindi un uomo che COMUINQUE DOVEVA ESSERE TENUTO ALLA LARGA. Poveretta, pregherò per lei.

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 03/04/2017 - 13:06

No, no, delitto di setie A. Sempre legato all'infame politica buonista diessina. Se con due morti gli avessero dato l'ergastolo, meglio due, questo non sarebbe successo.

Ritratto di adl

adl

Lun, 03/04/2017 - 13:07

AZZARINO. Non è bello fare battute sulle tragedie, ma sicuramente qualcuno si è gonfiato come un tacchino o come una tacchina obesa, vantandosi di aver fatto "LA LEGGE SUL FEMMINICIDIO". Non ho le statistiche alla mano ma a me pare che gli omicidi di donne siano in aumento, VORREI ARDENTEMENTE SBAGLIARMI.

Ritratto di Friulano.doc

Friulano.doc

Lun, 03/04/2017 - 13:18

Sono del parere che è da vigliacchi uccidere una donna... troppo facile...troppo indifese rispetto agli uomini... Per cui la pena la raddoppierei; fermo restando che la legge dell'occhio per occhio e dente pèer dente ha dimostrato di funzionare per secoli. Basta con inutili e dannosi buonismi: PENA DI MORTE AGLI ASSASSINI. PENA DI MORTE come deterrente. Chi ha ucciso, spesse volte torna ad uccidere. PENA DI MORTE SUBITO.

il corsaro nero

Lun, 03/04/2017 - 13:23

@riflessiva: ma sei in grado di leggere un giornale o ti devo fare un disegnino?

handy13

Lun, 03/04/2017 - 13:36

...io lo dico sempre,..."...chi assolve un delinquente, ammazza un innocente...".....quattro banditi.? quattro ergastoli, e Patrizia sarebbe viva.

Ritratto di Giano

Giano

Lun, 03/04/2017 - 13:51

Ma come, hanno approvato una legge speciale sul “femminicidio”, che sembrava la soluzione per fermare la violenza sulle donne: e non passa giorno che non ci sia un’altra donna ammazzata. Non c’è giorno che in TV non ci sia un dibattito sulla violenza contro le donne; si lanciano appelli, si organizzano sit-in con scarpette rosse per terra, si fanno fiaccolate, si innalzano striscioni, si promuovono manifestazioni, convegni e campagne mediatiche contro la violenza. E non passa giorno che la cronaca non riporti casi di donne che vengono sfregiate con l’acido, bruciate, accoltellate, torturate, ammazzate. La cattiveria, che è innata nell’uomo, non si ferma per legge. I lupi non diventano agnelli per legge. Non si diventa buoni e onesti per legge o perché lo auspica il Papa. Non si cambia il mondo con le fiaccolate ed i palloncini. Idioti.

Libertà75

Lun, 03/04/2017 - 13:52

@riflessiva, mi pare non interessi neanche al suo PD, del resto ha per caso visto qualche manovra per la sicurezza? nuovi fondi? nuove assunzioni? no niente... lo vede qual è la cosa brutta di essere poco intelligenti? che quando si governa, invece di fare le cose si continua a fare opposizione... il cervello migliora con l'uso, lo metta in moto

Divoll

Lun, 03/04/2017 - 13:59

Ma come? Hanno ucciso 2 persone durante un tentativo di rapina e non hanno avuto l'ergastolo? Chi uccide volontariamente o premeditatamente una volta, puo' farlo di nuovo. Ecco perche' andrebbe tolto dalla societa' vita natural durante. Non solo per punizione, ma soprattutto per la sicurezza degli innocenti.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Lun, 03/04/2017 - 14:01

@ riflessiva- I tuoi commenti sono sempre illogici, fuori luogo, solo sterilmente e inopportunamente polemici.Cosa pretendi dal Giornale? Ha messo la notizia a centropagina, a caratteri cubitali, per il resto cosa vuoi da Salvini? Prenditela con la Giustizia a maglie larghe per i delinquenti.

Ritratto di dalton.russel

dalton.russel

Lun, 03/04/2017 - 14:08

riflessiva e bettytudor, in totale sprezzo del ridicolo, contestano quello che l'articolo spiega con sufficiente chiarezza:ovvero i precedenti penali dell'assassino. Quindi sorge spontanea una domanda: ma voi 2 l'articolo l'avete letto? Qualsiasi altro commento, sarebbe persino superfluo. Ribadisco un concetto mille volte già espresso in precedenza: la parola è un dono e non necessariamente un obbligo. Dalton Russell.

Ritratto di hernando45

hernando45

Lun, 03/04/2017 - 14:28

Al solito in Italia del senno di poi sono piene le fosse. Non si condanna nessuno a VERE pene severe ed ecco che poi qualcuno ci RICASCA!! I buonismi portano SOLO disgrazie!!! AMEN R.I.P. la poveretta.

il corsaro nero

Lun, 03/04/2017 - 14:36

@elkid: vedi che se vuoi a volte sai anche scrivere commenti intelligenti? Stavolta sono pienamente d'accordo!

RAGE4EVER

Lun, 03/04/2017 - 15:22

@riflettiva...invece interessa alle oche come te SWAG salvini

antipifferaio

Lun, 03/04/2017 - 15:30

A riflessiva non piace diciamo il 95% degli articoli di questo Giornale...Ok, allora mi chiedo...ma se lo chiederebbe anche uno psichiatra...perché restare, leggere, commentare etc. etc. se poi si dissente su tutto?? Non è che di mezzo c'è un disturbo ossessivo compulsivo?......

bettytudor

Lun, 03/04/2017 - 15:35

@cgf cambiare opinione politica è possibile e normale. Si può essere di sinistra a 20 anni e di destra a 40 o viceversa, nulla di strano. Essere un assassino è altra cosa, non è come avere un'opinione, non è questione di visioni ideologiche o filosofiche. Per me, salvo rarissime eccezioni e al di là della legittima difesa, un assassino nasce così e tale resta per tutta la sua vita. Si faccia una domanda: lei frequenterebbe un ex assassino, sia pur pentito e "recuperato"? Gli affiderebbe le chiavi di casa? Sarebbe contento se sposasse sua figlia?

cgf

Lun, 03/04/2017 - 15:38

Anche oggi riflessiva ha avuto quanto ha 'lottato' per ottenere, un poco di visibilità, ignoratela.

bettytudor

Lun, 03/04/2017 - 15:49

@elkid: anche questo è vero, purtroppo. La fedina penale pulita non è una garanzia Tuttavia esistono anche un sacco di omicidi irrisolti...Parlare di "femminicidio" è comunque ridicolo, come se le donne fossero una sottospecie (non donne ma femmine, appunto) e tutti gli uomini degli assassini per definizione. Deve esistere il reato di omicidio e basta, con attenuanti e aggravanti, ma senza definizioni a priori. Fra l'altro esistono anche assassine spietate vedi Gigliola Guerinoni o la Redoli

emigrante

Lun, 03/04/2017 - 16:44

Mi si perdoni se, in presenza di una tragedia, mi azzardo a notare nell'articolo una frase che si presterebbe a commenti ironici, quali: "E noi che ci lamentiamo della lentezza della Giustizia!". Leggo, e ricopio: "L'uomo l'ha colpita con quattro colpi di coltello mentre la Procura di Caltagirone, nel frattempo, ha aperto un'inchiesta". ...mentre... e ...nel frattempo... Un tempismo eccezionale!