Fiamme all'impianto rifiuti. Forza Italia chiama il governo

Principio d'incendio nell'impianto di Battipaglia, nel Salernitano. Il deputato Casciello chiede provvedimenti: "Il ministro Costa agisca subito"

Incendio all’impianto di trattamento rifiuti di Battipaglia, nel Salernitano. E Forza Italia chiede l’intervento del Ministero dell’Ambiente.

L’episodio s’è verificato nella mattinata di ieri, poco dopo le 9.30, quando un principio d’incendio s’è registrato nel settore dell’impianto ex Stir deputato al trattamento della frazione organica stabilizzata. L’intervento rapido e immediato dei vigili del fuoco ha consentito di tenere sotto controllo le fiamme e di evitare che queste si sviluppassero, aggredendo altre zone della struttura. E di scongiurare un nuovo disastro come, solo qualche settimana fa, s’era verificato nella stessa area quando a finire in fumo era stata un’azienda privata che gestisce proprio rifiuti.

La questione, adesso, diventa politica. Perché Forza Italia tira in ballo la Regione Campania e vuole che sulla questione intervenga anche il ministro dell’Ambiente Sergio Costa. Il deputato azzurro Gigi Casciello spiega in una nota: “Il territorio di Battipaglia è una delle “zone rosse” del ciclo dei rifiuti in Campania, con tutti i problemi conseguenti. La popolazione paga scelte politiche sbagliate e che non abbiamo mai condiviso: sacrificare un territorio per salvarne altri. La situazione ambientale è molto grave e riteniamo non possa attendere i tempi della giustizia, ma richieda un immediato intervento politico da parte della Regione Campania e da parte del Ministero dell’Ambiente. Quest’episodio, in più, fa temere che si aggraverà la situazione di emergenza rifiuti che sta vivendo già la provincia di Salerno a causa dell’incapacità del centrosinistra”.

E aggiunge: “Occorre un sistema di ispezione per le aziende già autorizzate, l’attuazione di misure di verifica della loro conformità, nonché l’adozione di tutte le misure necessarie in caso di inosservanza delle autorizzazioni. Non si può più tollerare questa situazione che non tutela la salute della popolazione di Battipaglia e dei comuni limitrofi. Infine – dice ancora Casciello tirando in ballo il governo -, è necessario che in via legislativa si intervenga. Il Ministro dell’Ambiente Costa superi le difficoltà politiche che sta subendo, presenti finalmente il decreto legge sulle “Terre dei fuochi”, da lui tanto annunciato, e faccia in modo di rivedere le disposizioni normative in materia di autorizzazione degli impianti inquinanti e che trattano rifiuti. Se per fare questo occorre modificare la norma che venga fatto immediatamente, Costa agisca subito, altrimenti le comunità saranno lasciate sole e non saranno affatto tutelate”.