Marzabotto, ritirata la medaglia al boia che si macchiò della strage

Il sindaco di Engelsbrand ha fatto marcia indietro sull'onorificenza. Wilhelm Kusterer si macchiò di crimini orrendi

A 72 anni dall'eccidio rimasto iscritto tra le pagine più nere della storia italiana, un nuovo crimine stava per essere compiuto sullo sfondo di Marzabotto.

Uno degli autori del massacro di Monte sole, Wilhelm Kusterer, doveva infatti ricevere una medaglia dal comune di Engelsbrand, premiato lo scorso anno, a 94 anni, per il "suo impegno sociale nella comunità". Un riconoscimento che non teneva conto del passato dell'ex SS. Lo stesso comune aveva ammesso di non essere al corrente dei suoi trascorsi.

Bastian Rosenau, il primo cittadino del comune, aveva annunciato che una volta ricevuta traduzione delle sentenze di condanna che gravavano su Kusterer avrebbe preso una decisione in merito alla medaglia che gli era stata assegnata. Così è stata e all'anziano ex militare, su cui aveva emesso sentenza il Tribunale militare italiano, è stata tolta.

"Apprendiamo che è stata ritirata l’onorificenza che il suo comune di residenza aveva assegnato a Kusterer, un ex SS condannato dal Tribunale militare italiano per l’eccidio di Marzabotto", scriveva oggi in una nota Andrea De Maria, deputato del Partito democratico, soddisfatto del risultato delle lamentele, rimbalzate anche sulle pagine del Giornale.

De Maria, che prima di essere deputato è l'ex sindaco di Marzabotto, ha accolto con gioia la decisione del comune tedesco, che annulla anche l'onorificienza concessa all'ex Ss. "Non dobbiamo ora abbassare la guardia, in particolare per quanto riguarda l’esecuzione in Germania ed Austria delle sentenze del Tribunale militare italiano sugli eccidi nazifascisti”.

Commenti

franco-a-trier-D

Mar, 15/03/2016 - 16:46

questo dimostra che non tutti i nazisti sapevano dei crimini.

Massimo Bocci

Mar, 15/03/2016 - 16:49

È vero troppo tardi, fuori tempo massimo gliela doveva dare nel 45!!! Come son democratici i Crucchi da non crederci.

Ritratto di BenFrank

BenFrank

Mar, 15/03/2016 - 16:56

Gesto giusto, ma gli eterni "spartiggiani" dovevano svegliarsi prima: l'ultima "sporca dozzina" di criminali di guerra è ormai oltre i novant'anni! Resteranno poi per sempre impuniti i crimini commessi dalle sedicenti "forze di liberazione", generoramente coperti da amnistia da parte dell'allora ministro di grazia e giustizia: il cittadino sovietico Palmiro Togliatti.

Mannik

Mar, 15/03/2016 - 16:58

Invece in parecchi comuni italiani Mussolini è ancora cittadino d'onore...

ORCHIDEABLU

Mar, 15/03/2016 - 17:32

GIUSTO BENFATTO.GLI ORRORI NON SI DEVONO DIMENTICARE.

Ritratto di semovente

semovente

Mar, 15/03/2016 - 18:27

D'accordo su tutto. Però, non dimentichiamo che la strage di Marzabotto, e non solo quella, fu provocata deliberatamente da partigiani comunisti consapevoli delle terribili conseguenze che ne sarebbero derivate. Quei provocatori, vigliacchi, incapaci di assumersi le proprie responsabilità, fuggendo sulle montagne ed assistendo da lontano all'eccidio, hanno sulla coscienza il martirio di quella povera gente e sicuramente hanno sul petto una medaglia concessa loro per l'azione "meritoria".

ilbelga

Mar, 15/03/2016 - 18:42

mah, sembra strano, i teteschi di germania non conoscevano kusterer!

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Mar, 15/03/2016 - 22:01

Se aspettano ancora un po' non troveranno nessuno vivo.

vianprimerano

Mar, 15/03/2016 - 22:03

Dal popolo piu' cattivo ed egoista del mondo (dopo gli inglesi) non c'e' da meravigliarsi piu' di tanto di certi episodi.

jeanlage

Mar, 15/03/2016 - 22:21

Al signor Kusterer la medaglia dovrebbe darla lo Stato Italiano che si è unificato anche grazie alla legge Pica del 1863, che autorizzava Bersaglieri e Carabinieri a fucilare senza processo i "briganti" calabresi che combattevano contro l'invasione sabauda con le loro famiglie. Di Marzabotti, nei dieci anni successivi in Calabria ce ne sono state decine. Il numero complessivo di morti ammazzati dai gloriosi soldati sabaudi ha superato i 70.000. Non per niente Napolitano ha esaltato, con nostalgia il periodo. Lui si è dovuto limitare ad un colpo di Stato.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mer, 16/03/2016 - 00:04

Giustizia è finalmente fatta.

epc

Mer, 16/03/2016 - 00:10

1) Le colpe del passato non escludono che Kusterer abbia veramente dei meriti nei confronti della sua città. Se è così, bene che il Comune lo premi, indipendentemente delle colpe di 60 anni fa. 2) Dare una onoreficienza a chi non la merita è stupido, ritirare una onoreficienza giá concessa è meschino: il sindaco ci fa una figura piccola, piccolissima. 3) un 94enne probabilmente se ne frega sia dell'onoreficienza negata sia della sentenza del tribunale itliano. Ed ha ragione.

epc

Mer, 16/03/2016 - 00:11

1) Le colpe del passato non escludono che Kusterer abbia veramente dei meriti nei confronti della sua città. Se è così, bene che il Comune lo premi, indipendentemente delle colpe di 60 anni fa. 2) Dare una onoreficienza a chi non la merita è stupido, ritirare una onoreficienza giá concessa è meschino: il sindaco ci fa una figura piccola, piccolissima. 3) un 94enne probabilmente se ne frega sia dell'onoreficienza negata sia della sentenza del tribunale itliano. Ed ha ragione....

Ritratto di centocinque

centocinque

Mer, 16/03/2016 - 08:48

Ciccio treviri, sei proprio un troll.

obiettore

Mer, 16/03/2016 - 09:59

Per me i veri colpevoli sono quelli che hanno provocato il massacro. E vigliacchi.