Il premio choc della Germania: medaglia al boia di Marzabotto

A 72 anni dal più grande eccidio civile della storia patria, la Germania premia Wilhelm Kusterer. Fu uno degli autori del massacro della collina di Monte Sole

Marzabotto, consegnata alla storia come paese simbolo della violenza nazista in Italia perché fu teatro del più grande eccidio civile della storia patria, è costretta a indignarsi 72 anni dopo per una medaglia attribuita in Germania a uno dei suoi boia. La municipalità tedesca di Engelsbrand ha, infatti, premiato uno degli autori del massacro della collina di Monte Sole, Appennino bolognese, dove fra il 29 settembre e il 5 ottobre 1944 ci fu una retata e l'assassinio sistematico di 770 tra bambini, donne e uomini.

A 94 anni Wilhelm Kusterer ha ricevuto la medaglia dal sindaco di Engelsbrand, 4.300 abitanti, nel land del Baden-Wurttemberg, non troppo distante dal confine con la Francia. "La denuncia del Presidente del Comitato Onoranze ai Caduti di Marzabotto Walter Cardi, che ha appreso dalle pagine del Pforzheimer Zeitung della medaglia assegnata a Wilhelm Kusterer, uno dei boia di Marzabotto, merita grandissima attenzione - insorge il deputato Pd Andrea De Maria - credo che tutto il Paese, le sue istituzioni, i partiti politici debbano sostenere la richiesta dei familiari delle vittime dell'eccidio nazifascista di Marzabotto perchè il Governo della Germania intervenga e chieda la revoca di quel riconoscimento". Chi scrive "era Sindaco di Marzabotto quando il Presidente della Germania Johannes Rau venne nel 2002 a Monte Sole a rendere omaggio ai familiari delle vittime, pronunciando parole fortissime di condanna del nazismo. Da quella Germania che ha scelto la strada della libertà e della democrazia oggi ci aspettiamo coerenza e comportamenti conseguenti. Non si tratta di guardare al passato ma al contrario di affermare verso il futuro i valori comuni della nuova Europa nata dalla sconfitta della barbarie nazista e fascista".

"Come Regione Emilia-Romagna aderiamo all'appello del presidente del Comitato per le onoranze ai caduti di Marzabotto Walter Cardi e condividiamo la profonda indignazione per una notizia che mai ci saremmo aspettati", ribadisce Massimo Mezzetti, assessore alla Cultura, Politiche per i giovani e Politiche per la legalità, che aggiunge: "Ne ho parlato con il presidente Stefano Bonaccini, siamo già al lavoro e nelle prossime ore muoveremo tutti i passi necessari nei confronti del Land Baden-Wuerttemberg e del Comune di Engelsbrand per chiedere l'immediato ritiro dell'assurdo riconoscimento assegnato a un criminale nazista responsabile dell'eccidio di Marzabotto e di altre stragi in Italia. Quella medaglia è un oltraggio non solo alle persone barbaramente uccise dall'ex SS e ai loro familiari, ma a tutti noi che da sempre siamo impegnati nel tramandare il ricordo dell'orrore nazifascista per costruire un futuro democratico e di pace". "Condivido - afferma Sandra Zampa, vicepresidente del Pd - lo sdegno delle famiglie delle vittime della strage di Marzabotto per l'assegnazione della medaglia commemorativa a Wilhelm Kusterer. Sono d'accordo con il collega De Maria sulla necessità di intervenire perchè il governo tedesco ci ripensi. Per questo presenterò con lui una interrogazione in Commissione Esteri per chiedere che il governo italiano intervenga, in tutte le sedi opportune, affinché la Germania ritiri questo riconoscimento conferito ad uno dei responsabili di una delle più efferate stragi naziste compiute sul nostro territorio".

Mappa

Annunci
Commenti

Miraldo

Sab, 05/03/2016 - 18:06

Invece di parlare guardiamo al presente, basta parlare del passato e far passare i problemi di oggi in secondo piano. Fatti e non parole dai sindaci e dal governo.

Cheyenne

Sab, 05/03/2016 - 18:11

Tutti ci sputano in faccia e hanno anche ragione

Ritratto di Sniper

Sniper

Sab, 05/03/2016 - 18:14

Sara` stato proposto da una petizione dei commentatori del Giornale. Secondo loro, chi uccide i comunisti, anche se ancora bambini, ma lo sarebbero diventati, va premiato.

Ritratto di thunder

thunder

Sab, 05/03/2016 - 19:18

Sniper,la sua imbecillita'non ha eguali.Lei si dimentica dei suoi idoli,lenin e mao per esempio.

ziobeppe1951

Sab, 05/03/2016 - 20:31

Sniper....anche nei gulag i bambini venivano condannati al lager o alla colonia di lavoro rieducativo besprisornye

sergioilpatriota

Sab, 05/03/2016 - 20:57

Ennesima dimostrazione di quanto l'Italia non valga nulla sul piano internazionale.

Keplero17

Sab, 05/03/2016 - 22:13

Mi sembra una notizia da sfruttare appieno per la imminente campagna elettorale della sinistra. Insomma non sapendo dove attaccarsi per le miserabili condizioni cui sono giunti gli italiani niente di meglio che tirare fuori l'antifascismo. Ma chissà perchè il regno Unito, la Svezia, il Belgio sono tutti in procinto di chiudere le frontiere? Tutti paesi fascisti?

Ritratto di faustopaolo

faustopaolo

Sab, 05/03/2016 - 22:28

Questo dimostra che gli itagliani, Renzi in testa, per gli altri sono solo mare, pizza e mandolino.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Sab, 05/03/2016 - 23:40

Ciò significa soltanto una cosa: BUONA PARTE DELLA GERMANIA SOTTO LA VERNICE DELLA DEMOCRAZIA È ANCORA NAZISTA. Un po' come i democratici del nostro paese che sono rimasti FASCIOCOMUNISTI.

istituto

Dom, 06/03/2016 - 06:53

Se le vittime dell'eccidio fossero state ebree oppure americane oppure inglesi, i tedeschi avrebbero dato lo stesso una medaglia al loro "eroe"? NO. Quindi non contiamo niente sul piano internazionale altro che "Siamo un grande Paese" vero Renzi ?

Ritratto di c_gera

c_gera

Dom, 06/03/2016 - 08:02

Sarebbe interessante leggere la motivazione del riconoscimento. Che non ci sia anche un "Per il lustro dato alla Patria" o roba del genere che ha reso la Germania orgogliosa di tale illustre cittadino.

Timur

Dom, 06/03/2016 - 08:18

Tanto clamore per un'onorificenza civica conferita da un paesino di 4.000 abitanti ad un sergente di 94 anni. Robetta confronto al titolo di Baronetto conferito dagl'inglesi all'aviatore Arthur Harris, detto il "Macellaio", ed all'inaugurazione nel 1992 di una statua in suo onore da parte della Regina Madre. Arthur Harris, l'inventore del "cuscino di fuoco" !

Ritratto di manasse

manasse

Dom, 06/03/2016 - 08:52

ma perché le barbarie sono sempre attribuite ai nazifascisti,e quelle COMUNISTE erano opere di carità?

gpl_srl@yahoo.it

Dom, 06/03/2016 - 09:45

il lupo perde il pelo ma non il vizio! la signora Merkel non ha perso né il pelo ne il vizio e noi stiano qui sull' attenti ad ubbidire: anni fa dicevo e scrivevo che l' europa con capoutale a Berlino non è cosa per noi: oggi lo ripeto con maggior convinzione: la signora Merkel non fa altro che creare primavere ed in quella mediterranea sogna solo di farci cadere cosi come gia è successo con grande fortuna per libia, siria , somalia e cosi via: quindi?? a buon intenditore poche parole: via dall' europa tedesca: via dall' europa cosi come la tramano gli USA!Meglio morire di fame in casa nostra che finire in un lager tedesco dove solo il lavoro (per modo di dire) ci rendera liberi ndall' inferno in cui la germania ex nazista , desidera infilarci

klein80

Dom, 06/03/2016 - 09:53

Premesso che la "strage di Marzabotto" è stata propagandata mediante accorpamento di una serie di rappresaglie avvenute in luoghi e tempi diversi, va detto che i tedeschi non considerano i loro ex-ufficiali "boia nazisti", bensì militari tenuti ad obbedire agli ordini. Insomma, loro la gabbana, nonostante la sconfitta, non l'hanno mai voltata, a differenza nostra.

marcosabelli

Dom, 06/03/2016 - 11:01

Ad uno che ha fatto strage di migliaia e migliaia di italiani, danno pure la medaglia??' E' un'oltraggio alla resistenza. Il governo italiano cominci a chiedere alla germania i danni di guerra e di stragi, che occhio e croce ammontano a circa 2.500 miliardi di Euro,ed avremmo già da tempo azzero il nostro debito pubblico e privato.

BiBi39

Dom, 06/03/2016 - 11:11

Sempre articoli monchi : mancano notizie sulla motivazione della medaglia , motivazioni necessarie per capire di cosa stiamo parlando.

chebruttaroba

Dom, 06/03/2016 - 11:21

Se la Merkel dovesse sputare in faccia a Renzi, lui direbbe: "Oh, sta piovendo".

Duncanmcgregor

Dom, 06/03/2016 - 11:41

Onestamente non mi piace l'impostazione di questo articolo. Intanto non viene riportata la motivazione del riconoscimento poi non vedo perché il premio conferito ad un criminale nazista venga definito choc mentre quelli dati ai "liberatori" (bombardieri e fucinatori vari) siano giusti e dovuti.

elalca

Dom, 06/03/2016 - 11:48

sniper: ma si legga qualche libro di storia che parla del magnifico georgiano, di pol pot o di mao.......ma soprattutto la smetta di sfondare i birindelli con le sue asinate. vive di stereotipi e se ne compiace. cialtrone!

Ritratto di BenFrank

BenFrank

Dom, 06/03/2016 - 12:13

MANDATE MAILS DI PROTESTA AL SINDACO DI ENGELSBRAND INTASATE IL LORO INDIRIZZO MAIL: bastian.rosenau@engelsbrand.de PROTESTATE! FATEVI SENTIRE! IN SPECIAL MODO I SEDICENTI ULTRADEMOCRATICI, RESISTENTI E SEMPRE KOMUNISTI:

Ritratto di BenFrank

BenFrank

Dom, 06/03/2016 - 12:31

...E PROTESTATE ANCHE CON IL PRESIDENTE DEL LAND BADEN-WÜRTTENBERG, WINFRIED KRETSCHMANN, ALL'INDIRIZZO MAIL DELLA CANCELLERIA REGIONALE: poststelle @stm.bwl.de PROTESTATE!!! FATEGLI FONDERE I TERMINALI!!! SE ASPETTATE CHE A PROTESTARE SIA IL GOVERNO ITALIANO STATE FRESCHI! A MARZABOTTO E DINTORNI FURONO AMMAZZATI CIVILI ITALIANI, MICA CLANDESTINI!

Ritratto di direttoreemilio

direttoreemilio

Dom, 06/03/2016 - 12:37

Ma smettetela di parlare sempre del passato, fate come i comunisti in riguardo alle Foibe, scordatevele. che alla fine i massacri rossi sono in vantaggio Tedeschi/Fascisti-Comunisti/Anpi 1:2

uomodonore

Dom, 06/03/2016 - 12:59

Franco Grilli,se sei un giornalista serio dovevi far sapere anche quello che il giornale tedesco ha scritto. Ehrbezeugung für einen Kriegsverbrecher Massaker von Marzabotto In Baden-Württemberg wurde ein Mann mit einer Ehrenmedaille ausgezeichnet. Er ist ein verurteilter Kriegsverbrecher. Die erste überhaupt, die je am Ort verliehen worden ist. 22 Jahre lang (1975 bis 1997) war Kusterer Mitglied des Gemeinderates gewesen. Und er hatte sich mit "vielfältigem Engagement um die Heimatgemeinde verdient ALORA,la medaglia la ha ricevuta per il lavoro che ha fatto per il suo paesino.Che sia un mostro,si sa ,pero'non la presa sta medaglia per quello che vuoi far credere.

uomodonore

Dom, 06/03/2016 - 13:20

Massaker von Marzabotto In Baden-Württemberg wurde ein Mann mit einer Ehrenmedaille ausgezeichnet. Er ist ein verurteilter Kriegsverbrecher. questo scrive il giornale tedesco,anche questo dovete scrivere

Ritratto di Nazario49

Nazario49

Dom, 06/03/2016 - 13:22

Siccome ilGiornale.it pietosamente lo omette, ed anche nella versione cartacea non c'è traccia, lo dico io: il nazista in questione è stato consigliere comunale dell'SPD, Partito Social Democratico Tedesco. È nei particolari che si nasconde il diavolo...

akrancic

Dom, 06/03/2016 - 13:31

Per il kompagno Sniper. Ieri a Rai Storia hanno rievocato l'olocausto ucraino. !0 milioni di persone dal 1930 al 1935 massacrate e fatte morire di fame da Stalin e i suoi scherani. Non uno di essi pagò con una condanna. Morirono tutti celebrati e nel loro lettuccio caldo. L'ultimo fu il cognato di Stalin: Lazar' Moiseevič Kaganovič, che proprio russo non era, ma era bolscevico convinto. Fu soprannominato "il Macellaio dell'Ucraina". Milioni di bambini morirono di malattie, stenti e fame. Forse Stalin pensava che sarebbero diventati anti-comunisti un giorno. Per questo li fece morire a milioni. Tutta colpa del fattore Norimberga: se voi comunisti foste stati processati e impiccati per crimini contro l'umanità, oggi non osereste nemmeno sospirare.

claudio faleri

Dom, 06/03/2016 - 13:31

miraldo....parole sante ma è tutto studiato per distrarre i servi....basta con la retorica del passato, interessa solo alla politica e alla cigl

uomodonore

Dom, 06/03/2016 - 13:33

direttoreemilio, hai piena ragione,i crimini sono stati fatti da tutte le nazioni in guerra.Tani dovrebbero informarsi di quei crimini di guerra che noi italiani(non ero ancora nato)abbiamo fatto in Libia,GRECIA 1943: quei fascisti stile SS Domenikon come Marzabotto. Oltre 150 uomini fucilati per rappresaglia. Ora un documentario alza il velo sulle stragi del nostro esercito. Occultate. Italia / Abissinia: 70 anni di genocidio taciuto Il Parlamento italiano deve finalmente confrontarsi con la storia e chiedere ufficialmente scusa per i crimini di guerra commessi in Etiopia 70 anni fa, il 3 ottobre 1935, l'Italia fascista diede inizio alla guerra di conquista in Etiopia. Da 70 anni l'Italia rimuove con successo questa parte della propria storia. L'Italia democratica del dopoguerra non solo non ha mai incriminato i criminali di guerra fascisti ma finora non vi è stata nemmeno qualche forma di riparazione nei confronti dell'Etiopia.

claudio faleri

Dom, 06/03/2016 - 13:34

sniper...perchè non ti fa fottere da qualche arabo tuo amico e amico della sinistra...poi quando ti svegli la mattina invece di mangiare due cornetti a mo di falce e martello, prendi del fosforo per l'intelligenza

franco-a-trier-D

Dom, 06/03/2016 - 13:35

uomo donore ho tradotto:Marzabotto strage nel Baden-Württemberg ha ricevuto una medaglia d'onore dell'uomo . Lui è un condannato i crimini di guerra, Siccome che dicono la Merkel è nazista ajajaj poveri fessi sinistrati comunisti italiani.

franco-a-trier-D

Dom, 06/03/2016 - 13:38

vedi uomodonore che minchiate scrivono Runasimi e il gpl? Che venissero a scriverle qui in Germania quelle fesserie e vedresti cosa passerebbero.

Anonimo (non verificato)

Raoul Pontalti

Dom, 06/03/2016 - 13:39

@uomodonore è da ieri che ci provo a dire le stesse cose che hai dette Tu con l'aggiunta di altre considerazioni ma il mio commento non passa...Aggiungo qui che il signore in questione è stato direttore del locale museo da lui stesso realizzato ed è autore di poesie e racconti di favole e saggi sul dialetto con diversi libri pubblicati.

Anonimo (non verificato)

franco-a-trier-D

Dom, 06/03/2016 - 13:56

sempre avanti! www.npd.de

LP

Mar, 15/03/2016 - 19:47

Chiagni e fotti tipicamente italiano. Siamo di una pidocchiosità veramente oscena e lo dimostriamo Avrebbe potuto, come Priebke, graziare i prigionieri civili all'ultimo momento e sarebbe diventato un vero eroe alla Salvo d'Acquisto. Purtroppo non l'ha fatto ed è diventato un boia. Io, Ufficiale della marina Militare, date le circostanze e la rabbia per chi tradisce un'alleanza, un contratto, colpisce alle spalle e si nasconde dietro ai civili, mi sarei molto probabilmente comportato allo stesso modo ed avrei ugualmente fatto ricorso alla rappresaglia. Le azioni vanno sempre inquadrate nel contesto storico.